Sai capire se stai frequentando uno “psicopatico”?

Bugiardo patologico

Il primo tratto dello psicopatico è la tendenza a essere un bugiardo cronico. Mente e mente su tutto, anche su ciò che non è rilevante. Mente per raggiungere il suo scopo, qualsiasi sia.

È un abile stratega

Sembra facile scoprirlo, ma non lo è. Lo psicopatico è un ottimo stratega e pianifica molto bene le sue menzogne. Racconta le cose con grande fascino.

Grande autostima

Un altro tratto tipico è la grande autostima. Anche se fai un lavoro prestigioso, ad esempio, farà in modo di farti sentire inutile in confronto a lui. Distruggerà la tua autostima poco alla volta fino ad avere il totale controllo.

È un manipolatore

È un attento osservatore del comportamento delle altre persone. Sa carpire ogni debolezza e la usa a suo favore. Se non riesce nel suo scopo diventa pieno di rabbia, ma torna presto a controllarsi e a essere molto affettuoso.

Non ha senso di colpa
né rimorso

Nessun rimorso per le sue azioni e tanto meno senso di colpa. Inutile cercare di cambiarlo. Lo psicopatico è fatto così. Una ricerca con immagini scansionate del cervello di psicopatici ha dimostrato che non sentono in alcun modo il rimorso o il senso di colpa.

Cerca di essere empatico

Pur non essendolo, cerca di entrare in empatia. Non riuscendoci può dare in escandescenze.

Punta a isolarti

Un altro dei segnali tipici che ne stai frequentando uno è l’isolamento sociale. Non è raro che dica cose imbarazzanti quando ci sono i tuoi amici o i tuoi colleghi di lavoro. Ti dirà che loro parlano male di te, che non ti stimano, che non valgono quanto vali tu.

Fonte:

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

Smascherare i bugiardi

Gelosia: amore vero o ossessione?

Le donne preferiscono gli altruisti ai belli

Gli opposti non si attraggono, meglio avere gli stessi gusti


  • Si trova nella coscia e inizia dove finisce l’arteria iliaca esterna. […]

  • L’amniocentesi è la metodica più consolidata per […]

  • L’aerosol è uno strumento utilizzato principalmente per la cura di […]

  • Si tratta di una malattia poco comune. Colpisce infatti 0,3 donne ogni 100.000. […]

Pubblicato il: 4 Dicembre 2018 Aggiornato il: 28 Dicembre 2018
Chiedi un consulto di Psicologia