Sai cos’è il dry January e perché fa così bene?

dry january

La maggior parte di noi ha alzato parecchie volte il gomito durante queste feste. Ecco perché è utile passare 30 giorni consecutivi senza toccare alcolici. I motivi li ha spiegati una nuovo ricerca britannica

Nei Paesi anglosassoni si chiama Dry January, in italiano Gennaio a secco, intendendo un mese senza alcol. Perché si scelga questo mese è del tutto evidente. Le vacanze di Natale sono ricche di brindisi e bevute varie, quindi cosa c’è di meglio dei giorni successivi per stare a dieta dagli alcolici?

L’abuso di alcol è un importante fattore di rischio per molte malattie croniche, come quelle cardiovascolari, alcuni tipi di tumore e problemi al fegato.

Un nuovo studio dell’Università inglese del Sussex dimostra come saltare l’appuntamento con l’alcol per un mese di seguito può non solo migliorare la nostra situazione nell’immediato, ma anche a lungo termine.

La ricerca

I ricercatori hanno analizzato i dati di 2.821 persone che avevano aderito al Dry January nel 2018.

I risultati a breve termine 

I primi risultati riguardano:

  • i livelli di energia che aumentano in modo significativo,
  • una diminuzione del peso corporeo,
  • il 70% di loro dorme meglio,
  • si risparmiano anche molti soldi: in media qualcosa come 200 euro in un mese,
  • migliorano i livelli di concentrazione,
  • si abbassano i livelli di ansia,
  • migliora la qualità della pelle.

I risultati a lungo termine 

Si è calcolato che un mese di dieta dagli alcolici fa bere tendenzialmente di meno anche nei mesi successivi, con ulteriori benefici per la salute. Inoltre chi sta astemio per 30 giorni consecutivi nei mesi che seguono si ubriacherà meno frequentemente rispetto a quanto gli accadesse prima.

 

L’alcol uccide di più di sigarette e droga messe insieme

Alcol: quanto tempo ci mette a svanire dopo che hai bevuto?

Intossicazione da alcol: ecco cosa accade nelle forme più gravi

Sei un alcolizzato funzionale? Scopri i sintomi


  • Quando la gravidanza supera il termine della quarantesima settimana, il […]

  • Con il termine “anallergico” si intende un prodotto realizzato con […]

  • Si tratta di una malattia poco comune. Colpisce infatti 0,3 donne ogni 100.000. […]

  • È chiamato anche agobiopsia o biopsia. Permette di prelevare grazie a un […]

Pubblicato il: 3 Gennaio 2019 Aggiornato il: 3 Gennaio 2019
Chiedi un consulto