L’herpes simplex può uccidere?

Pubblicato il: 10 Aprile 2019 alle ore 23:24 Aggiornato il: 10 Aprile 2019
herpes encefalite

Una donna abruzzese è deceduta in seguito a un'encefalite da herpes simplex. Ecco di cosa si tratta, come si manifesta e in che modo si può intervenire

Il cuore di Veronica ha smesso di battere a causa di un’encefalite da herpes simplex. La donna, un’abruzzese di 32 anni, si presenta al pronto soccorso dell’ospedale di Pescara con febbre molto alta e in stato confusionale: dopo una prima dimissione, viene finalmente ricoverata ma poco dopo la situazione precipita e i medici non possono fare altro che dichiararne il decesso. Dall’autopsia effettuata sul corpo della mamma, originaria di Montesilvano, è emerso che a provocarne la morte è stato un edema cerebrale, provocato a sua volta da un’encefalite non diagnosticata tempestivamente.

Cos’è l’encefalite

Si tratta di una rara infiammazione del tessuto cerebrale, che può essere causata da infezioni virali comuni: in chiunque, ma soprattutto nelle persone con un sistema immunitario indebolito, nei bambini e negli anziani, i virus dell’herpes simplex e zoster, di Epstein-Barr, del morbillo, della parotite, dell’influenza e della rosolia possono raggiungere il cervello e dare luogo a un’encefalite. La patologia può essere scatenata anche da infezioni virali contratte da animali o da artropodi vettori, come zecche e zanzare, e infezioni batteriche. In rari casi può essere causata da un fungo.

Come si manifesta

Inizialmente la patologia può essere confusa con una banale influenza: i sintomi, infatti, non sono specifici e comprendono febbre altamal di testa, nauseavomito. Con l’aggravarsi del quadro clinico possono insorgere anche confusione mentale, convulsioni, allucinazioni, difficoltà a muoversi e parlare, perdita della sensibilità in alcune parti del corpo, fotofobia, rigidità del collo e della nuca, rush cutanei.

Meningite: sintomi, vaccini disponibili, cure e testimonianze

Come si diagnostica

Per diversificare l’encefalite da altre patologie cerebrali lo staff medico procede inizialmente con degli accertamenti radiografici, cioè la Tac e la risonanza magnetica. Per verificare la presenza di virus, batteri, funghi o altri parassiti, inoltre, si può prelevare una piccola quantità di liquido cefalo-rachidiano dalla colonna vertebrale, attraverso una puntura lombare. Infine, per avere un quadro completo della situazione si possono eseguire anche un encefalogramma e gli esami del sangue e delle urine.

Si può curare?

Se la patologia viene diagnosticata tempestivamente, si procede con la somministrazione di farmaci antivirali, in presenza di infezione da virus, o di antibiotici, in caso di infezione batterica. Se necessario, si può intraprendere anche una terapia di supporto, che prevede assistenza respiratoria, idratazione per via endovenosa e l’uso di farmaci antinfiammatori. Nei casi più gravi, quando l’infezione ha ormai raggiunto il cervello in maniera estesa, può insorgere un arresto respiratorio che può portare al decesso.

Leggi anche…





Chiedi un consulto di Infettivologia