Giornata contro l’ictus: porte aperte all’IRCCS Besta di Milano

Pubblicato il: 27 Ottobre 2018 alle ore 01:48 Aggiornato il: 27 Ottobre 2018
Giornata contro l'ictus

Durante il World Stroke Day i medici dell’Unità Malattie Cerebrovascolari della Fondazione IRCCS Istituto Neurologico C. Besta di Milano incontreranno i cittadini che potranno usufruire gratuitamente di colloqui mirati a migliorare la conoscenza della malattia e delle strategie di prevenzione

La prevenzione è fondamentale per migliorare il controllo dei fattori di rischio vascolari, ridurre l’incidenza dell’ictus correlato all’ipertensione arteriosa e alle aritmie cardiache e correggere i fattori di rischio vascolari correlati allo stile di vita e ai comportamenti sia a livello ambientale che individuale.

In Italia circa 200.000 casi ogni anno

La prevenzione contro l’ictus è l’arma principale contro questa malattia, che colpisce nel mondo circa 80 milioni di persone, di cui circa 50 milioni vivono con disabilità permanente. Gli studi e l’esperienza sul campo dimostrano che fornire al cittadino gli strumenti per una prevenzione ottimale e un corretto percorso diagnostico-terapeutico, sono il presupposto per la lotta all’ictus.

Gli stili di vita sono determinanti nella prevenzione dell’ictus

La Giornata Mondiale dell’ictus è volta a sensibilizzare la popolazione sul significato della malattia, sul suo impatto nella vita quotidiana e sulle strategie di prevenzione e terapia. Ecco perché l’equipe medica diretta da Eugenio Parati,  sarà a disposizione del pubblico presso gli ambulatori di Via Celoria 11 per incontri informativi sui corretti stili di vita e sistemi per prevenire ictus e malattie correlate.

Il parere dell’esperto 

«Risulta di estrema rilevanza – spiega Parati – aumentare la consapevolezza dei fattori di rischio vascolari al fine di migliorare le strategie di prevenzione e di utilizzare percorsi di diagnosi e cura personalizzati e specifici anche per alcune forme rare di ictus. Il lavoro integrato in equipe con i neurochirurghi, neuroradiologi e radioterapisti che si svolge routinariamente all’interno dell’Istituto, permette di offrire ai pazienti terapie specifiche e percorsi diagnostici appropriati».

La Giornata Mondiale dell’ictus è un’iniziativa della che si svolge a livello mondiale e che quest’anno sarà presente sui social media con l’hashtag #UpAgainAfterStroke.

 

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Ictus: si può quasi sempre prevenire. Sai come?

Vuoi prevenire infarto e ictus? Ecco cosa mettere nel piatto

Ictus: sai quali sono i campanelli d’allarme?

Infarto e ictus: anche una sola sigaretta al giorno alza il rischio





Chiedi un consulto di Neurologia