Cuore: ecco cosa rischia dopo uno stress intenso

Pubblicato il: 11 Aprile 2019 alle ore 00:23 Aggiornato il: 11 Aprile 2019
cuore stress

Uno degli studi più imponenti di sempre ha dimostrato che chi ha subito stress gravi presentano un aumento del 64% del rischio di malattie cardiovascolari

Un lutto, un incidente in auto, un terremoto, una diagnosi inattesa: dopo un forte stress la salute del cuore è messa a dura prova. La conferma arriva da un imponente studio condotto dall’Università di Reykjavik e dall’Istituto Karolinska di Stoccolma, che ha dimostrato come questa condizione snervante, scaturita in seguito a un trauma o a un evento particolarmente impattanti sulla vita dell’individuo, sia correlata a un più alto rischio di patologie cardiovascolari.

Chi è stressato rischia di più

Dal 1987 al 2013 gli studiosi hanno valutato 136.637 persone che avevano subito uno stress diagnosticato clinicamente e i loro 171.314 fratelli e sorelle che non avevano mai sperimentato alcuna condizione di questo tipo. Dai dati raccolti dallo studio osservazionale, che non consente cioè di mettere in luce i meccanismi che correlino stress a eventuali patologie, è emerso che i pazienti con disturbi stress-correlati presentavano un aumento del 64% del rischio di malattie cardiovascolari rispetto ai loro parenti in buona salute.

Speciale esami del sangue: la guida completa

Gli under 50 devono stare più attenti

Gli specialisti, inoltre, hanno riscontrato una maggior associazione tra i disturbi da stress-correlati con un esordio precoce di malattie cardiovascolari (+40% per gli under 50) piuttosto che con un esordio tardivo (+24% per gli over 50). Ciò avverrebbe indipendentemente dal contesto familiare, da una storia di disturbi somatici o psichiatrici e da eventuali comorbilità psichiatriche.

Guida all’ipertensione o pressione alta

Rischi maggiori nell’anno della diagnosi

Gli studiosi hanno anche fatto un ulteriore confronto tra gli individui sottoposti a stress e più di un milione di persone senza alcun vincolo di parentela coi primi, senza condizioni patologiche. Per tutto il primo anno dalla diagnosi di disturbo stress-correlato è emerso che il rischio di eventi cardiovascolari era più alto rispetto alla media della popolazione generale, con un significativo incremento dei pericoli di andare incontro a scompenso cardiaco.

Leggi anche…

Chiedi un consulto di Cardiologia