Droga e alcol: le dipendenze negli adolescenti, riconoscerle e curarle

Pubblicato il: 20 Settembre 2016 alle ore 08:58 Aggiornato il: 27 Dicembre 2018
dipendenza alcool droghe

Marijuana, cocaina, ecstasy, superalcolici: come facciamo a capire se nostro figlio si droga? E da genitori, cosa fare? I consigli dell'esperto di OK Giuseppe Valerio Mavilia

L’adolescenza è un periodo a rischio sotto molti punti di vista perché implica la scoperta e il distacco dalla vita alla quale si era abituati da bambini. In questo passaggio verso l’età adulta alcuni ragazzi possono entrare in contatto con sostanze stupefacenti e sviluppare dipendenza. Come capire se il proprio figlio fa uso di droghe? E cosa fare? Abbiamo chiesto consiglio a Giuseppe Valerio Mavilia, psicologo-psicoterapeuta, neuropsicologo, pedagogista.
Specializzato in Psicologia Clinica, è cultore ed esperto in materia di Igiene Mentale e Pedagogia Speciale A presso l’Università degli Studi di Torino (puoi chiedergli un consulto qui). 

Che cosa significa “dipendenza” e quali sono, oggi, le tipologie più frequenti?

Il concetto di dipendenza si è modificato molto negli ultimi anni perché non sottintende più soltanto alla dipendenza da sostanze, ma a un concetto clinico di Personalità Dipendente. L’atteggiamento di dipendenza può riguardare: situazioni, relazioni, comportamenti, abitudini, quindi coinvolgere ambiti molto diversi della vita di un individuo. La dipendenza intesa come disturbo della personalità è inserita così in un quadro di realtà più generale, mentre un tempo era specifica dell’uso di sostanze stupefacenti.
Oggi la dipendenza riguarda anche i comportamenti e le abitudini, come ad esempio accade nel fenomeno dello shopping compulsivo o nelle dipendenze del comportamento alimentare. Ci sono poi le dipendenze di tipo affettivo e relazionale, correlate alle dipendenze da internet IAD o da social network. È bene capire che non è il social network a essere “potente”, ma lo diventa nella misura in cui è presente una vulnerabilità o poca strutturazione nella personalità di chi lo utilizza. Lo stesso si potrebbe dire per gli adolescenti che abusano di droghe o di alcool, dove a differenza del passato, non lo fanno esclusivamente per approvazione sociale o del gruppo, ma all’origine ci sono delle problematiche e delle cause profonde e importanti, per inadeguatezza o vulnerabilità della struttura di personalità. Resta il fatto che anche l’aspetto riferibile al sociale e all’ambiente può contribuire in modo importante e significativo allo sviluppo di una dipendenza.

Qual è stata negli anni l’evoluzione delle sostanze stupefacenti?

Le dipendenze più evidenti e che forse preoccupano di più sono quelle relative all’uso delle sostanze stupefacenti. In questo caso l’adolescente si trova davanti a un panorama di offerta molto vasto. Una volta la sostanza era demonizzata e individuata in maniera molto specifica, adesso è diventata quasi mimetizzabile nella realtà di tutti i giorni o in situazioni a breve termine. La modalità di assunzione è semplice e non così traumatica, come prendere una compressa per il mal di testa o bere del succo di frutta. Non esiste più soltanto la distinzione tra droghe pesanti e droghe leggere, ma ci sono sfaccettature e intensità di effetti in cui la chimica ha trovato un largo impiego e sviluppo. Una volta la sostanza principale tra gli allucinogeni era Lsd, mentre oggi esiste tutta una serie di derivati dell’ecstasy e dalle anfetamine, i cui effetti possono essere contenuti sia in situazioni specifiche, sia negli effetti stessi che ricadono nella vita affettiva, comportamentale e sessuale di chi le utilizza. La prevenzione va di pari passo con l’informazione per far conoscere i danni e le conseguenze causati dall’utilizzo, anche saltuario, delle sostanze stupefacenti e dell’alcool.

Come capire se il proprio figlio fa uso di droghe o di alcool?

Accorgersi se un adolescente abusa di sostanze stupefacenti non è sempre facile e immediato, perché le nuove droghe ha effetto anche talvolta molto brevi, contenuti ad esempio in una serata o una uscita e sono vissuti al momento dell’assunzione, durante una festa in discoteca o a un ritrovo tra amici. Il genitore dovrebbe focalizzare l’attenzione e l’osservazione al dopo. Le sostanze stupefacenti in generale provocano una caduta fisica che conduce a spossatezza, stanchezza, bisogno di riposo fuori dal comune, difficoltà a mantenere la concentrazione, irritabilità. A lungo andare si può andare incontro a una vera e propria condizione ansioso/depressiva. Bisogna poi, anche capire se questi segnali si presentano sempre in seguito a occasioni di svago o ricreative.
La cultura dello “sballo” è oggi molto più sottile, ma anche molto più devastante sotto il profilo degli effetti. Lo sballo può avvenire da soli o in piccoli gruppi, anche tra le mura domestiche o in luoghi inaspettati. Queste sostanze provocano danni neurologici e psicologici, intellettivi e comportamentali che possono divenire permanenti e difficili da recuperare.
Un primo passo è cercare di confrontarsi con il proprio figlio, per cercare di smuovere la situazione e per cercare di capire la gravità del problema. Riconoscere e identificare l’esistenza di un comportamento inadeguato e quindi l’ipotesi di un problema è uno dei punti di partenza. Successivamente, ci si può rivolgere a uno specialista delle dipendenze, per iniziare un percorso con la coppia genitoriale che darà delle direttive di comportamento e atteggiamento all’interno della vita famigliare. Poi si valuterà se supportare o meno l’adolescente in un percorso individuale.

Anche l’abuso di alcool è un problema molto diffuso.

Un tempo andare fuori con gli amici a bere qualcosa aveva un aspetto più socializzante, mentre oggi, anche sotto l’influenza di messaggi molto forti, l’uso e l’abuso di alcolici è diventato quasi una sorta di medicazione. Il drink rende tutto più facile, più bello, più approcciabile, più desiderabile e possibile. Anche in questo caso l’osservazione da parte dei genitori è fondamentale per capire “come” sono i ragazzi a casa: se sono alterati, se sono soltanto alticci e se capita ogni volta che escono. Se si riscontra che i limiti sono superati non si può fare finta di niente e chiudere un occhio, ma bisogna affrontare la situazione.

Qual è l’atteggiamento corretto da adottare e come intervenire?

Le dipendenze da sostanze stupefacenti sono diventate più difficili da gestire e da individuare, anche perché la modalità di assunzione è semplificata. Una volta, pensando agli eroinomani, l’assunzione richiedeva un rituale anche piuttosto macabro, invece oggi è sufficiente un’assunzione orale, affiancata dalla bevanda piacevole. Il genitore dovrebbe monitorare l’aspetto di vita dell’adolescente, cercando di capire come si svolgono i momenti di aggregazione, dove si svolgono, e osservare molto il dopo e la capacità di relazionarsi e di creare reti amicali degli adolescenti in contesti semplici e normali, spontanei. A questo proposito il dialogo genitori-figli è sempre alla base di un rapporto aperto ed equilibrato che impedisca all’adolescente di rinchiudersi in se stesso.
Le dipendenze nascono in soggetti che hanno delle strutture di personalità tali che impediscono di rendersi indipendenti, o insufficienti, per questo vanno seguiti e supportati anche nelle sperimentazioni sane o negli azzardi sensati e contenuti, ma che per loro hanno un valore costitutivo e fondamentale. La più grande difesa contro le dipendenze è renderli più autonomi e responsabili di sé e consapevoli e partecipi delle proprie scelte anche se adeguatamente affiancati e artefici delle proprie scelte e orientamenti, con la libertà di poterli esprimere e mettere in atto.
Alle volte, la dipendenza nasce anche come risposta a un’insoddisfazione e frustrazione o peggio a una mancata strutturazione dell’IO. La dipendenza può anche diventare un modo di eludere percorsi di crescita. Nell’adolescenza c’è una maggiore vulnerabilità e le strutture dell’IO non sono ancora così stabili da poter mettere dei limiti, senza dimenticare che è una fase della vita di sperimentazione, con i rischi che comporta se si penetra nei campi sbagliati. Se c’è la possibilità di realizzazione, che può avvenire attraverso lo studio, lo sport, una professione, si avrà meno possibilità di sentirsi appagati da una dipendenza.

Eliana Canova

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Droga e polidipendenze: percorsi personalizzati per uscirne

Drogati di smartphone: quando l’uso del cellulare diventa una dipendenza

Attacco di panico dopo aver fumato marijuana? E’ possibile

Marijuana e alcol alla guida: ecco cosa succede

Fumare cannabis restringe il cervello e abbassa il quoziente intellettivo




  • Si trova nella coscia e inizia dove finisce l’arteria iliaca esterna. […]

  • È l’insieme dei test che determina la presenza di una reazione […]

  • Si parla di allergia quando il sistema immunitario di una persona reagisce nei […]

  • L’adenovirosi è una malattia infettiva contagiosa che colpisce le […]

Chiedi un consulto di Dipendenze