“Ipocondriaci” da viaggio: quando la vacanza fa paura

Pubblicato il: 2 Maggio 2016 alle ore 10:33 Aggiornato il: 28 Dicembre 2018
ipocondriaci-viaggio

Per molti viaggiare è sinonimo di insicurezza, partono portandosi appresso ogni genere di farmaci, guardano con sospetto i cibi e le usanze del posto. L'esperto di OK Giuseppe Valerio Mavilia spiega come superare questo problema

Mete lontane, paesi esotici, vacanze avventurose: viaggiare non è per tutti, anzi molti vivono il cambio di abitudini con insicurezza, portandosi appresso ogni genere di farmaci, guardando con sospetto i cibi e le usanze del posto. Da che cosa è causata questa incertezza? E come superarla? Ecco i consigli del professor Giuseppe Valerio Mavilia, psicologo-psicoterapeuta e pedagogista  presso l’Università degli Studi di Torino, inoltre è Docente Master DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) presso la Facoltà di Scienze della Formazione di Torino (puoi chiedergli un consulto qui). 
 

Che cosa rappresenta il viaggio?

Il viaggio è sinonimo di trasformazione, è la scoperta non soltanto di un altro paese e di un’altra cultura, ma soprattutto di se stessi e della propria personalità. Viaggiando si rompono gli schemi della quotidianità, ci si mette in gioco, si entra in un’altra dimensione, sconosciuta e che per questa ragione può intimorire.
Lasciarsi andare a nuove sensazioni, che coinvolgono tutti i sensi, significa perdersi e rompere con l’abitudine che ci fa sentire al sicuro, protetti, ma che non è altrettanto ricca di stimoli. Viaggiare permette di arricchire il proprio io, di crescere, a patto che lo si affronti nel modo giusto: facendosi coinvolgere, cercando la dimensione diversa dalla propria, con curiosità.

Ci sono persone che vivono la vacanza, soprattutto all’estero, con molta apprensione. Perché?

Il viaggio può essere destabilizzante per certe persone particolarmente insicure perché ricevono dei segnali differenti rispetto alla quotidianità, non si ritrovano nei soliti schemi e questo per loro è destabilizzante. Queste persone hanno il desiderio di rompere questi schemi, ma non sanno affrontare nel modo giusto gli allontanamenti. Sono combattuti tra il desiderio di crescita interiore e il rimanere attaccati a situazioni non risolte. Il cambiamento, il mutamento racchiuso nel viaggio, anche nel breve spostamento, genera ansia dovuta all’incertezza di ciò che non si conosce.

Farmaci per ogni evenienza in valigia: che cosa si nasconde dietro al timore di ammalarsi?

Le persone particolarmente insicure ricercano conferme e attraverso il corpo acquisiscono sicurezza di sé e padronanza della situazione. In viaggio si è più sollecitati e l’incertezza è dietro l’angolo, così ci si ricrea uno schema, una strategia e portare con sé in valigia farmaci per ogni evenienza è rassicurante, fa sentire protetti e al sicuro. Il farmaco offre molteplici possibilità di difesa. Essere previdenti è utile per evitare imprevisti spiacevoli, ma se diventa un eccesso non va bene.
Spesso queste persone fanno fatica anche ad accettare il cibo e le usanze del paese che li ospita, hanno necessità di ritrovare i “sapori” e le abitudini di casa anche in capo al mondo. Un esempio su tutti l’italiano che pretende di mangiare la pasta, o la pizza, anche alle Maldive o in Perù. O chi si porta dietro il sapone a ogni viaggio perché pensa che non lo troverà.

Oggi viaggiare è di moda, nonostante questo rimane un’abitudine non per tutti?

Viaggiare, soprattutto all’estero e in paesi esotici, fa status, è “à la page”, ma ci sono persone che lo fanno per le ragioni sbagliate, per adeguarsi e non per reale desiderio personale. Prima di partire ci si dovrebbe interrogare sulle proprie intime motivazioni.
Anche la meta che si sceglie ha un significato profondo: l’isola rappresenta la ricerca dell’io, la centralità, il voler ritrovare se stessi, mentre la destinazione “culturale” nasconde il desiderio di conoscenza e di sperimentazione.

Si può “imparare” a viaggiare in modo da vivere la vacanza con più serenità?

Viaggiare fin da piccoli è importante perché “allena” al cambiamento, alla trasformazione, apre la mente a nuove possibilità, crea curiosità. Conoscere altre culture e usanze permette di superare barriere invisibili e di spostare l’attenzione da “noi” agli “altri”.
Per imparare a viaggiare bisogna allenarsi, creandosi degli obiettivi facilmente raggiungibili, scegliendo ad esempio una meta vicina, preparandosi mentalmente, informandosi e leggendo. In questo modo il distacco dalle proprie abitudini avverrà per gradi e piano piano si potrà affrontare in autonomia e con il giusto atteggiamento la vacanza che si è scelta.

Eliana Canova

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Le 10 regole per essere scientificamente felici

I soldi non fanno la felicità (ma la stabilità economica sì)

Cinema: dimmi come stai, ti dirò che film scegliere

Internet ci rende più insicuri delle nostre conoscenze

Cantare insieme: ecco il segreto per rompere il ghiaccio e fare gruppo

 





Chiedi un consulto