antiepilèttici


    • Come praticare il massaggio anti-colica per i neonati.   L'articolo […]

    • Gli antistaminici, che possono essere presi sotto forma di compresse, capsule, […]

    • Si parla di allergia quando il sistema immunitario di una persona reagisce nei […]

    • Questo termine non scientifico viene utilizzato per indicare il periodo della […]

    farmaci in grado di spegnere gli attacchi epilettici o ridurne la frequenza. Data la lunghezza della cura non devono avere azione sedativa; devono essere poco tossici e attivi sui vari tipi di epilessia, con effetto rapido e di lunga durata. Non esiste un solo farmaco efficace in tutti i tipi di epilessia: ce ne sono diversi tra cui il medico neurologo può scegliere, secondo il tipo di epilessia e la risposta individuale. Vanno somministrati a dosi crescenti finché gli episodi non vengano completamente soppressi o si instaurino effetti tossici. In questi casi la combinazione di più farmaci è in genere più efficace di uno solo ad alte dosi. Antiepilettici sono: i barbiturici, la difenilidantoina, il primidione, la carbamazepina, etosussimide, diazepam, trimetadione, acido valproico. Gli effetti collaterali che essi comportano sono: sonnolenza, disturbi nervosi e visivi, eruzioni cutanee, disturbi gastrici, epatici e renali, anemia.

    Pubblicato il: 14 Dicembre 2015 Aggiornato il: 14 Dicembre 2015