Vitamina D: da elisir a fake news. Ecco la verità

Fino a qualche settimana fa le riviste scientifiche di tutto il mondo la mettevano in cima alle vitamine da assumere sempre. Ora un imponente studio ridimensiona il ruolo degli integratori nella prevenzione delle fratture e dell'osteoporosi. Sono però molti gli ambiti in cui questa vitamina sembra restare decisamente utile

Il nuovo studio

Un’imponente ricerca che ha analizzato i dati provenienti da 81 studi precedenti che hanno coinvolto oltre 53.000 persone ha messo in dubbio il ruolo di questa vitamina nella prevenzione delle fratture ossee. In realtà questa raccomandazione non riguarda le persone che soffrono di osteoporosi o di deficit di vitamina D, o chi vive in case di cura. Gli integratori restano utili nella prevenzione di condizioni rare come l’osteomalacia e il rachitismo che si verificano dopo una prolungata mancanza di esposizione alla luce solare.

 

L’esposizione al sole

La vitamina D è sintetizzata dal nostro organismo attraverso l’assorbimento dei raggi del sole operato dalla pelle. Raggiungere la dose quotidiana raccomandata di vitamina D è particolarmente difficile in inverno: a metà gennaio, ad esempio, bisognerebbe stare al sole per ben 130 minuti. Da aprile a luglio, quando il nostro è chiaramente più esposto al sole a causa del nostro abbigliamento, bastano appena 10 minuti per assorbire una buona quantità di vitamina. In autunno i tempi si allungano: nel mese di ottobre, ad esempio, servirebbe una mezz’oretta di sole. Tuttavia, durante l’estate il colecalciferolo si può accumulare nel tessuto adiposo e funzionare da serbatoio per i mesi invernali.

Alte dosi di vitamina C potenziano chemio e radioterapia

In gravidanza

Il corpo di una donna in gravidanza chiede quantità maggiori di vitamina D e, secondo un’indagine presentata dall’Università Aristotele di Thesaloniki in Grecia, il 90% delle donne nel bacino del Mediterraneo presenta bassi livelli di vitamina D durante la dolce attesa. Bisogna quindi integrare l’assunzione della vitamina in questo periodo della vita di una donna? Ad oggi l’Organizzazione Mondiale della Sanità non ritiene necessaria l’integrazione di vitamina D durante la dolce attesa: l’alimentazione equilibrata, insieme all’esposizione solare, può essere un valido aiuto per soddisfare le esigenze nutrizionali dell’organismo di mamma e bambino.

Difende dal tumore al colon

Quando i livelli di vitamina D nel sangue sono elevati, il sistema di difesa anti-cancro dell’organismo si mette sull’attenti e contrasta con maggiore forza l’avanzata del tumore del colon. Lo dimostra una ricerca del 2015 del Dana Farber-Cancer Institute di Boston, pubblicata su Gut, la prima condotta su un ampio campione di pazienti.

Allevia le scottature solari

Un ulteriore beneficio della vitamina D è quello di alleviare i segni delle scottature solari, riducendo l’infiammazione e attivando la riparazione della pelle lesionata. Lo dimostra uno studio americano pubblicato sul Journal of Investigative Dermatology. Durante la sperimentazione sono state usate dosi massicce di vitamina D, necessarie per ridurre l’infiammazione e generare benefici cutanei.

Cibi e vitamina D

Non è semplice indicare quali alimenti contengano vitamina D, perché in realtà nessun cibo ne è davvero ricco. Alcuni pesci grassi, latte e derivati, uova, fegato e verdure verdi ne contengono scarse quantità: l’unica eccezione è data dall’olio di fegato di merluzzo (non molto utilizzato nelle nostre cucine). La vitamina D, come detto, viene infatti in grande parte accumulata dal nostro organismo attraverso l’esposizione ai raggi solari. Nei Paesi nordici, dove le ore di sole sono nettamente inferiori ai Paesi mediterranei, alcuni alimenti vengono fortificati di vitamina D.

Carenza di vitamina D

La carenza di vitamina D ha conseguenze negative sulla salute delle ossa con effetti che vanno dal rachitismo per i bambini alle deformazioni ossee di varia natura (ad esempio, artrite o reumatismi) e alla osteomalacia. Altri effetti negativi causati da una carenza di vitamina D possono colpire il cuore  e il benessere dell’intestino.

15 cibi ricchi di vitamina E

Fonte:

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

La vitamina D barriera contro il tumore al colon retto

Sclerosi multipla: livelli bassi di vitamina D aumentano il rischio

Osteoporosi: la dieta giusta per ossa forti

Quanti minuti al sole per fare scorta di vitamina D?

Chiedi un consulto di Ortopedia