Vaccini, tutti i falsi miti

Vaccinarsi è assolutamente necessario per la salute dei nostri figli e di quella degli altri. Ecco tutte le bufale smontate dagli esperti della rivista della Società Italiana di Pediatria

Contengono ingredienti pericolosi. FALSO

I vaccini contengono:
l’antigene, cioè il virus o il batterio attenuato o inattivato;
acqua distillata sterile o soluzione fisiologica sterile;
– conservanti, come sali di alluminio che stimolano la risposta immunitaria;
albumina e gelatina;
piccolissime dosi di antibiotico per prevenire la crescita batterica.

Dal 2002 non si usano più conservanti a base di mercurio.

I vaccini sono quindi molto sicuri. Provocano reazioni allergiche solo in un caso ogni 2 milioni di somministrazioni.

I vaccini causano l’autismo. FALSO

Non esiste alcuno studio scientifico che dimostri questa affermazione. L’unico che sosteneva questa affermazione è stato smentito da qualsiasi università e istituto di ricerca. Era stato condotto dal medico inglese Andrew Jeremy Wakefield, solo che si scoprì che era stato pagato per alterare i risultati al fine di supportare una serie di cause giudiziarie intentate da un avvocato contro le case farmaceutiche produttrici dei vaccini. Inoltre si scoprì che Wakefield aveva brevettato un sistema di vaccini separato per sostituire il trivalente che aveva additato come causa dell’autismo. Per questi motivi il medico è stato radiato dall’ordine dei medici britannico.

Meglio l’infezione naturale. FALSO

I vaccini non sono contro natura, anzi: agiscono proprio utilizzando i meccanismi di difesa naturali, stimolando una risposta immunitaria capace di produrre anticorpi. Il vaccino permette quindi di proteggersi dalle malattie infettive senza andare incontro alle complicanze, che nel mondo uccidono tre milioni di bambini ogni anno. Ad esempio il morbillo causa l’encefalite in un bambino ogni mille colpiti e la morte di due ogni mille. Il vaccino può causare una reazione allergica in un bambino ogni 2 milioni. Duemila volte di meno, una percentuale che non dà spazio ad alcuna discussione.

I vaccini in un’unica puntura sono dannosi. FALSO

Il nostro sistema immunitario riconosce e risponde a un enorme numero di antigeni. Ogni bambino avrebbe in linea teorica la capacità di rispondere a circa 10.000 vaccini contemporaneamente.

Indeboliscono il sistema immunitario. FALSO

Fin dalle prime ore di vita il nostro sistema immunitario produce anticorpi contro le migliaia di virus che incontra. Come si diceva prima un bambino può rispondere a circa 10.000 vaccini contemporaneamente. Oggi iniettiamo “solo” 14 antigeni: una quantità irrisoria per il nostro sistema immunitario.

Le malattie infettive stanno scomparendo. FALSO

Le malattie infettive stanno scomparendo proprio grazie alle vaccinazioni, non certo grazie ai migliori livelli delle condizioni igieniche ed economiche. Ad esempio la poliomielite è stata endemica in Europa anche durante il boom economico degli anni Cinquanta e Sessanta. Solo dopo l’introduzione del vaccino anti-polio la malattia è praticamente scomparsa.

Allora non vaccino mio figlio. SBAGLIATO

Bisogna sempre essere allerta. Ad esempio la scomparsa del vaiolo, malattia che uccideva 5 milioni di persone al mondo, è dovuto ai vaccini, ma per altre patologie c’è ancora molto da fare, perché nel mondo ci sono ancora dei focolai.

Inutile il vaccino contro l’influenza. FALSO

L’influenza è una delle malattie infettive più diffuse: ogni anno solo in Italia colpisce tra i 5 e gli 8 milioni di persone, causando circa 8.000 morti all’anno. La vaccinazione è in grado proprio di ridurre le complicanze, le ospedalizzazioni e le morti. L’influenza si può prendere anche se vaccinati, perché da una parte occorrono due settimane prima che la protezione sia ottimale, dall’altra perché il virus cambia velocemente. Quindi qualche episodio c’è, ma su larga scala i dati evidenziano come il vaccino sia fondamentale nella riduzione dei casi più gravi.

Le malattie si debellano con lo stile di vita. FALSO

Il miglioramento dello stile di vita è senz’altro importante, ma non debella certo le malattie infettive. La poliomielite ad esempio riappare ogni qual volta calano le coperture dei vaccini. In Olanda negli anni 90 ci fu un’epidemia in un gruppo di seguaci della Chiesa Olandese Protestante Riformata che rifiuta i vaccini. Ci furono 72 infezioni, 2 morti e 59 paralizzati a vita. Per cui è solo con la vaccinazione di massa che le malattie infettive possono essere tenute sotto controllo.

Non proteggono il 100% dei vaccinati. VERO

Questa è un’argomentazione a favore dei vaccini, non certo contraria. Proprio perché i vaccini non hanno un’efficacia del 100%, bisogna mantenere percentuali di coperture vaccinali il più alto possibile. Più è alto il numero di persone immunizzate, più bassi saranno i tassi di trasmissione delle malattie. Questo vale anche per le persone che non hanno risposto in maniera efficace ai vaccini, la cosiddetta immunità di gregge, cioè l’immunità che si ottiene quando la vaccinazione di una parte della popolazione offre una protezione agli individui non protetti.

Tratto da Pediatria n. 11/12 2015

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

Meningite: muore 24enne. I medici: «Vaccinate i bambini»

Diabete di tipo 2: vaccino anti influenza riduce rischio mortalità

Papilloma virus: l’Ema, «Vaccini sicuri ed efficaci»

Vaccini, radiazione per i medici che li sconsigliano




  • Sono molti gli studi che dimostrano chiaramente i benefici sia fisici, sia […]

  • Questo termine non scientifico viene utilizzato per indicare il periodo della […]

  • È l’insieme dei test che determina la presenza di una reazione […]

  • Con il termine “anallergico” si intende un prodotto realizzato con […]

Pubblicato il: 23 Agosto 2016 Aggiornato il: 26 Aprile 2018
Chiedi un consulto di Pediatria