Tumore del colon-retto: ecco perché è in aumento tra i giovani

tumore colon-retto

Questa patologia, che solitamente compare dopo i 50 anni, oggi interessa anche i giovani adulti. Sotto accusa sovrappeso, obesità e diete pro-infiammatorie

Il tumore del colon-retto è il terzo più frequente in Italia, rappresenta il 10,2% di tutte le neoplasie e ha una maggiore incidenza dopo i 50 anni. Tuttavia, alcune ricerche condotte negli ultimi dieci anni hanno dimostrato che questa patologia è in aumento tra i giovani, probabilmente a causa di obesità e diete pro-infiammatorie.

Lo studio 

A confermare questa ipotesi è lo studio Nurse Health Study, pubblicato su JAMA Oncology, che ha seguito 85.252 infermiere, tra i 25 e i 42 anni, tra il 1989 e il 2011. Ogni due anni sono stati registrati i dati antropometrici, tipo peso corporeo e indice di massa corporea, delle donne e sono stati acquisite informazioni sui loro stili di vita.

Un indicatore importante: l’indice di massa corporea

Dallo studio, durato ben 22 anni, è emerso che il rischio di tumore del colon-retto era superiore del 37% tra le donne in sovrappeso (cioè con indice di massa corporea compreso tra 25 e 29,9) e del 93% tra quelle obese (con indice di massa corporea superiore a 30), rispetto alle normopeso. I ricercatori hanno anche dimostrato che per ogni 5 unità di aumento dell’indice di massa corporea il rischio di incappare in questa neoplasia aumentava del 20%. Vuoi conoscere il tuo indice di massa corporea? Clicca qui.

Sotto accusa anche il peso

L’associazione tra chili di troppo e rischio di sviluppare un tumore del colon-retto in età giovanile è risultata presente anche considerando il peso: nelle donne che negli anni erano aumentate di 20-40 Kg, rispetto a quelle che erano ingrassate meno di 5 Kg o avevano perso peso, il rischio andare incontro a questa neoplasia precoce era aumentato del 165%, mentre per quelle che erano ingrassate più di 40 Kg il rischio risultava più che raddoppiato (+215%). «Questo studio conferma che l’obesità si associa ad un aumentato rischio di sviluppare un tumore del colon-retto in una popolazione di donne giovani adulte» spiega Patrizia Burra, professoressa del dipartimento di scienze chirurgiche e gastroenterologiche del Policlinico di Padova e membro del consiglio direttivo Sige. «Non sono disponibili al momento dati sulla popolazione maschile e possono essere fatte solo ipotesi sui meccanismi biologici alla base di questo aumento di rischio».

Sotto accusa anche le diete pro-infiammatorie

Stando allo studio Body size in early life and breast cancer risk in African American and European American women condotto in Italia e Svizzera su individui al di sotto dei 45 anni è emerso che alle diete ricche di grassi e proteine animali, come carni rosse e conservate (salumi), si associa un aumentato rischio di tumori del colon-retto, mentre quelle caratterizzate da fibre, vitamine e antiossidanti, con frutta, verdura e pesce, risultano protettive in questo senso.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Per prevenire il cancro al colon retto porta in tavola cereali integrali

La colonscopia fa male?

Polipi del colon: cosa sono e perché bisogna toglierli

Obesità: tutti gli interventi per dimagrire, i requisiti e le complicanze

 

Chiedi un consulto di Oncologia