Dieta mediterranea: – 40% di rischio di tumore al seno aggressivo

Dieta mediterranea e rischio tumore

Si tratta del cancro al seno negativo al recettore degli estrogeni, una delle forme più letali. Dimostrata ancora una volta l'importanza di una sana alimentazione nella prevenzione del tumore

La dieta mediterranea può ridurre il rischio di tumore al seno, soprattutto di una forma particolarmente aggressiva che spesso porta alla morte. È questocondotto dall’Università di Maastricht nei Paesi Bassi, che è stato pubblicato sulla rivista scientifica International Journal of Cancer.

Monitorate oltre 60.000 donne per 20 anni 

I ricercatori olandesi hanno messo sotto osservazione più di 62.000 donne per un periodo di 20 anni per verificare come il loro rischio di tumore al seno fosse condizionato dall’alimentazione.

Con la dieta mediterranea il rischio di tumore al seno ER negativo si abbatte del 40%

Chi ha aderito il più possibile a una dieta mediterranea con frutta, verdura, pesce, olio extra vergine di oliva, legumi e poca carne si è dimostrata avere il 40% in meno di possibilità di sviluppare il cancro al seno ER negativo.

Questa forma di tumore, che non è favorito dagli estrogeni, è spesso molto più complicato da curare 

In Italia nel 2016 si sono ammalate 50.000 donne di cancro al seno: il 30% di loro ha sviluppato la forma ER negativo. Nonostante la mortalità sia in costante calo –  ogni anno diminuisce dell’1,4% – sono ancora 12.000 le donne che ogni anno muoiono per il tumore al seno, secondo l’ultimo dato disponibile che risale al 2012.

Ancora una volta si è dimostrato quanto siano importanti gli stili di vita nella prevenzione 

«La nostra ricerca – spiega il primo autore Piet van den Brandt – accende una luce su come i modelli di alimentazione possano influire sul rischio cancro. Abbiamo scoperto un forte legame tra la dieta mediterranea e la riduzione del rischio del tumore al seno negativo al recettore degli estrogeni tra le donne dopo la menopausa».
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

Tumore al seno: cosa vogliono sapere le donne

Tumore al seno: dopo la mastectomia la ricostruzione con autoinnesto di grasso

Tumore al seno: l’attività fisica riduce il rischio di recidive

Tumore al seno: vaccino fa regredire le forme iniziali




  • L’anisakiasi, o anisakidosi, è la condizione provocata […]

  • Gli antistaminici, che possono essere presi sotto forma di compresse, capsule, […]

  • Si trova nella coscia e inizia dove finisce l’arteria iliaca esterna. […]

  • L’aorta è la più grande e la più importante arteria […]

Pubblicato il: 6 Marzo 2018 Aggiornato il: 7 Marzo 2018
Chiedi un consulto di Oncologia