Infarto: il cuore delle donne è più a rischio di quello degli uomini

Infarto

Ipertensione, fumo, diabete mettono a dura prova la salute cardiovascolare, ma nel sesso femminile hanno un impatto peggiore e aumentano di molto la possibilità di infarto

A parità di condizioni patologiche, il cuore delle donne corre più pericoli di quello degli uomini. Questo significa che in presenza di pressione alta, fumo o diabete – noti fattori di rischio per la salute cardiovascolare – un uomo rischia l’infarto molto meno di una donna.

Le percentuali di rischio

E non di poco: una donna che fuma ha il 55% in più di rischio di avere un infarto rispetto ad un uomo, se i valori pressori sono alti il rischio è del 9% in più, nel caso del diabete di tipo 2 il rischio è maggiorato del 47% e nel caso del diabete di tipo 1 addirittura del 290 per cento.

I dati dello studio

Questi dati arrivano da un gruppo internazionale di epidemiologi, che hanno pubblicato il loro su The British Medical Journal. Gli scienziati hanno valutato il diverso impatto dei fattori di rischio cardiovascolari sul rischio di infarto in una popolazione di 471.998 persone (il 56% donne, età media 56,2 anni), senza storia di malattie cardiovascolari all’inizio dello studio. Nell’arco di 7 anni di follow up, circa 5.081 persone, di cui 1.463 donne, cioè il 28,8%, hanno avuto un infarto. L’ipertensione è risultato il fattore di rischio principale.

Maggiore incidenza negli uomini,
ma più rischio nelle donne

Nonostante l’incidenza dell’infarto sia risultata più elevata negli uomini che nelle donne, i ricercatori hanno rilevato che i fattori di rischio erano più fortemente associati all’infarto miocardico nelle donne rispetto agli uomini. Le associazioni si attenuano con l’età, ma con l’invecchiamento della popolazione e l’aumento della prevalenza dei fattori di rischio associati allo stile di vita, è dunque probabile che le donne arriveranno a pareggiare l’incidenza di infarto con quella degli uomini.

Le altre sfortune “di cuore” delle donne

A differenza degli uomini, possono avere un attacco cardiaco anche senza avere dolore al petto o al braccio sinistro, i sintomi più comuni e allarmanti che in genere permetteno di intervenire e attivarsi per un pronto soccorso. (scopri qui tutti i sintomi dell’attacco cardiaco nelle donne).

Una ricerca pubblicata sull’European Heart Journal: Acute Cardiovascular Care, rivela anche un’altra causa nel ritardo delle donne ad affidarsi al pronto soccorso. Secondo lo studio, che ha considerato più di 4.360 casi di infarto (967 donne e 3.393 maschi) tra il 2000 e il 2016, le donne che hanno l’infarto (e avvertono dolore) aspettano in media 37 minuti in più degli uomini prima di chiamare l’ambulanza.

Demenza, Alzheimer, Parkinson, Ictus: come ci cureremo tra 10 anni?

Come accorgersi che una persona sta avendo un ictus?

Le donne italiane fumano meno, si muovono, ma bevono ancora troppo

Ictus: pillola, fumo ed emicrania alzano rischio di 30 volte

Pubblicato il: 9 novembre 2018 Aggiornato il: 11 dicembre 2018
Chiedi un consulto di Cardiologia