Il tumore delle ovaie: sai quali sono i campanelli d’allarme da non sottovalutare?

Solo un terzo delle donne che ha un insistente gonfiore addominale si reca dal dottore per indagarne i motivi. Questo nonostante sia uno dei sintomi principali del tumore alle ovaie. Il tumore ovarico rimane il più temibile tumore ginecologico. Ogni anno colpisce 250.000 donne in tutto il mondo e circa 6.000 in Italia

Il problema della diagnosi

I sintomi di questo tumore sono spesso ignorati e scambiati per disturbi minori. Ancora oggi il 75% dei casi viene diagnosticato in stadio avanzato, con un conseguente peggioramento della prognosi. Una diagnosi precoce porterebbe invece a un aumento delle possibilità di sopravvivenza. Quando il tumore è diagnosticato in uno stadio iniziale ed è ancora confinato alle ovaie, il 90% delle pazienti ha infatti probabilità di sopravvivere per più di cinque anni. Se la diagnosi viene fatta in stadio avanzato, le possibilità diminuiscono drasticamente, riducendosi fino al 27%.

La prevenzione insomma come sempre è la parola chiave. Il test della presenza della mutazione genetica BRCA e BRCA1 è fondamentale per fare la prevenzione. Consente infatti di identificare persone sane però a elevato rischio, che possono essere indirizzate verso percorsi di screening e in casi selezionati anche verso interventi chirurgici profilattici. È molto importante: ci sono alcune Regioni purtroppo in cui non è accessibile o è molto difficile sottoporsi a questo test.

Gonfiore persistente

Questo è uno dei principali sintomi, ma anche il più sottovalutato. Del resto possono essere decine le ragioni per cui si abbia gonfiore addominale. In questo caso il gonfiore dev’essere costante, quindi non che viene e va.

Sentirsi sazie velocemente
o perdita di appetito

Anche questo è un sintomo comune a moltissime malattie, anche molto lievi.

Dolore addominale o pelvico

Anche in questo caso si parla di dolore costante e non occasionale.

Urgenza di fare pipì

Questo è un sintomo comune a moltissime condizioni che colpiscono il tratto urinario.

Cambiamenti nelle abitudini intestinali

Anche in questo caso non è l’episodio di una volta o due, ma la persistenza del cambiamento. Si può trattare sia di diarrea, sia di stitichezza.

Estremo affaticamento

Altro sintomo comune a una serie di patologie. Anche in questo caso il senso di fatica dev’essere costante e non saltuario.

Perdita di peso senza motivo

Questo sintomo è comune a molte forme di tumore o malattie importanti come le epatiti.

Pubblicato il: 20 febbraio 2018 Aggiornato il: 20 febbraio 2018
Chiedi un consulto di Oncologia