Embolia polmonare: quali sono i sintomi?

In genere è la complicanza di una trombosi venosa profonda degli arti inferiori. La sua gravità può cambiare molto: dipende dalle dimensioni degli emboli e dalle condizioni di partenza del paziente

L’embolia polmonare

Si verifica quando, da un trombo che si è formato in una vena profonda, si staccano dei frammenti, che prendono appunto il nome di emboli.
La versione polmonare dell’embolia non deve essere confusa con l’embolia che colpisce i sub. In quel caso è causata dalla formazione di bolle di gas nel sangue.

Gli emboli vengono trasportati dal flusso del sangue fino al cuore e da qui raggiungono le arterie del polmone. All’interno di questo organo i vasi sanguigni sono piccoli e gli emboli possono causare un’ostruzione.

Quali sono le cause

La causa principale è la presenza di una trombosi venosa profonda. I fattori di rischio sono le malattie cardiovascolari, come l’infarto e lo scompenso cardiaco, la familiarità, l’età, il diabete, la gravidanza, i traumi agli arti inferiori, tumori. Anche gli interventi chirurgici o lunghi periodi di immobilizzazione possono essere pericolosi. A volte può colpire anche dopo un viaggio in aereo di diverse ore.

Quali sono i sintomi

Sono diversi a seconda della gravità. Nei casi più semplici può essere asintomatica, mentre negli stadi più gravi ci possono essere mancanza di respiro, tosse, dolore al torace. Qualche volta l’insorgere dei sintomi è violentissimo. Altre manifestazioni possono essere la tachipnea e la tachicardia, seguiti da dolore toracico, stati di ansia, dispnea (sensazione di mancanza di fiato), dolore toracico, collasso cardiocircolatorio e ipotensione.

La diagnosi

La diagnosi non è semplice. I sintomi sono simili a quelli di molte malattie respiratorie o cardiovascolari. Danno una buona garanzia la scintigrafia polmonare, l’AngioTAC o l’angiografia.

Spesso si procede anche con esami di laboratorio ed elettrocardiogramma.

Quali sono le terapie

All’inizio è farmacologica con trombolitici e anticoagulanti, specie se impiegati velocemente. A volte invece si deve ricorrere all’intervento chirurgico per asportare gli emboli.

 

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Trombosi: guarda se sei in una delle 8 categorie a rischio

Fragilità capillare: tutto quello che devi sapere

Colesterolo: sai come tenerlo sotto controllo senza farmaci?

Chiedi un consulto di Pneumologia