Sei incinta? Ecco come scoprirlo subito

Pubblicato il: 6 Marzo 2019 alle ore 23:55 Aggiornato il: 8 Marzo 2019

Il dubbio 

Sarò incinta o non sarò incinta? Questo dubbio, che può essere una speranza o una paura a seconda dei progetti e delle volontà di una donna, è venuto a tutte almeno una volta. Rimuginare, appellarsi al destino, alle statistiche o alle supposizioni serve a ben poco. L’unico modo per saperlo davvero è agire: andare in farmacia.

Al banco della farmacia

I test disponibili al banco della farmacia sono di due tipi: c’è quello che analizza le urine e, da pochi mesi, quello che . Entrambi i metodi rilevano la beta-hCG (frazione beta della gonadotropina corionica umana), l’ormone prodotto dalle cellule pre-embrionali che daranno poi origine alla placenta. La produzione di questo ormone inizia circa una settimana dopo la fecondazione dell’ovulo. Più precisamente, inizia nel momento in cui l’ovulo fecondato si ancora alle pareti dell’utero. Questa fase si chiama impianto o annidamento. Dopo circa sette giorni, quindi, l’ormone della gravidanza è già presente nel circolo sanguigno e può essere rilevato con un test sul sangue. Per rilevarlo nelle urine occorrerebbe aspettare ancora alcuni giorni.

Test di ricerca sulle urine

Il test che analizza la presenza dell’ormone beta HCG nelle urine è il più usato. Grazie a degli anticorpi specifici che reagiscono positivamente o negativamente in presenza o meno dell’ormone, il test, che ha grosso modo la forma di un termometro, mostra sullo schermino dei segni che indicano un risultato positivo o negativo. Basta immergere l’indicatore del test nella pipì raccolta in un contenitore oppure mantenerlo sotto il getto di urina per alcuni secondi. Una confezione di questo test costa intorno ai 20 euro e in genere è doppia.

Test di ricerca sul sangue

Da qualche mese in farmacia è disponibile anche un test di gravidanza che si basa sull’analisi del sangue. Basta appoggiare il pungidito sul polpastrello, ottenere una gocciolina di sangue e inserirla in un contenitore per l’analisi. Da lì, si avrà una risposta positiva o negativa. Rispetto al test sulla pipì, si distingue per una sensibilità elevata. Consente di rilevare nel sangue anche bassissime quantità dell’ormone beta HCG.

A cura di Ok Promotion 

Chiedi un consulto di Ginecologia