Irritazione da pannolino: 5 consigli per prevenirla

Pubblicato il: 8 Febbraio 2019 alle ore 16:43 Aggiornato il: 8 Febbraio 2019

Gli esperti dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma spiegano in che modo evitare che sul sederino del bambino si formino bollicine, rossori e piccoli eritemi

Cambia spesso il piccolo

La prima regola è cambiare spesso il pannolino al bambino e ciò deve avvenire in base alla sensibilità materna. La frequenza, infatti, non è standardizzata ma varia in funzione all’età, al tipo di pelle e a eventuali malattie associate.

Mantieni pulita quella zona

Quando la zona del pannolino è sporca, mamme e papà devono tempestivamente pulire la pelle del piccolo anche solo con l’acqua del rubinetto. Se ciò non fosse possibile, si possono utilizzare anche i detergenti senza risciacquo, disponibili in tutte le farmacie.

Non esagerare con le paste emollienti

Se la pelle del bambino è sana e non presenta alcuna irritazione, bisogna evitare di utilizzare paste emollienti come l’ossido di zinco: meglio far “respirare” la cute, già umida e “provata” dal pannolino. Al contrario, se ci fossero rossore o piccolo eritema, si può procedere con l’applicazione di un prodotto lenitivo, che deve essere spalmato adeguatamente.

Non usare antibiotici a caso

Non tutte le irritazioni sono spia di un’infezione batterica. Per questo motivo bisogna evitare di usare in modo sconsiderato le pomate antibiotiche.

Non usare cortisonici

La pelle del bambino, soprattutto quella della zona del pannolino, è particolarmente delicata e sensibile. Dunque non bisogna assolutamente applicare cortisonici topici, soprattutto se il pediatra non è stato ancora consultato.

Dermatite da pannolino: quali sono le cause?

Il tuo bambino ha un’irritazione da pannolino? Ecco quale crema usare

Bambini: quando togliere ciuccio, pannolino, biberon e passeggino

Pelle: 5 consigli per proteggere quella dei bambini

Chiedi un consulto di Pediatria