1 dicembre – Corsa: contrordine, meglio le suole basse

Pubblicato il: 1 Dicembre 2016 alle ore 05:20 Aggiornato il: 30 Novembre 2016

Un nuovo studio di un'importante università britannica dimostra che è meglio usare scarpe da runner con suole minimal

Per anni gli esperti di running ci hanno spiegato che le scarpe ideali dovessero avere la suola alta, ammortizzata, dinamica e con cuscinetti. Ora uno studio dell’Università britannica di Exeter ribalta questo consiglio: se volete correre in sicurezza meglio scegliere scarpe da ginnastica con una suola minimal.

Secondo la ricerca, infatti è l’aderenza con il terreno il modo migliore per ridurre significativamente il rischio di lesioni quando si corre. Per raggiungere , pubblicati sulla rivista dell’American College of Sports Medicine, i ricercatori hanno messo sotto osservazione 29 runner, scoprendo che chi corre regolarmente con scarpe da ginnastica ammortizzate tende ad atterrare sul tallone, al contrario di chi si allena a piedi nudi o con suole sottili che ha più probabilità di atterrare sulla parte anteriore del piede, in modo da ridurre il tasso di carico e anche la possibilità di lesioni.

«Molte persone – spiega Hannah Rice, principale autrice dello studio – corrono per ridurre il rischio di malattie croniche, ma circa tre quarti finiscono per subire una qualche lesione, perché sbagliano quando si tratta di acquistare le scarpe».

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

Luisa Corna: «I miei problemi li supero di corsa»

Sport e esercizio fisico: i benefici per la mente

Natural running o corsa naturale: cos’è e che differenze ci sono rispetto al running

Corsa e mal di schiena: ecco le 5 regole per salvare la colonna

 





Chiedi un consulto