Pulizia del viso: via acne e impurità con il white peeling

Pubblicato il: 15 Febbraio 2018 alle ore 05:29 Aggiornato il: 15 Febbraio 2018

Sulla pelle vengono applicate delle sostanze che rigenerano, eliminano le imperfezioni e attenuano i segni del tempo. Ecco come funziona

Impurità sul viso: prova il white peeling

Hai una pelle del viso impura, costellata di inestetismi e solcata da qualche ruga? Oggi la dermocosmesi offre diversi trattamenti destinati al rinnovamento estetico, tra i quali proprio il white peeling. Per capire di cosa si tratta, però, bisogna innanzitutto spiegare cos’è il peeling. «Si tratta di una tecnica innovativa, che permette di dare nuova luce alla cute, distendere i segni del tempo e cancellare le imperfezioni, sfruttando l’azione controllata di alcune sostanze chimiche applicate sul volto» rivela Tito Marianetti, chirurgo estetico maxillo-facciale e ortognatico.

White peeling: cos’è

Una variante del peeling semplice (dall’inglese “to peel”, cioè “spellare”) è costituita dal white peeling. «È un trattamento composto e combinato: si avvale, cioè, dell’azione sinergica di diversi agenti chimici messi insieme, come il glicolico, il salicilico e il lattico» continua Marianetti. «In una prima fase lo specialista applica sulla pelle del viso un gel contenente queste sostanze, che svolgono un’azione rigenerante, antimicrobica e antisettica. In un secondo momento viene spalmata una crema bianca ricca di acido azelaico, acido salicilico, acido alfa-lipoico, alfa-bisabololo, arbutina e ascorbilpalmitato, che controllano la produzione di sebo, garantiscono un turnover cellulare, sono antiossidanti e antinfiammatori, hanno un effetto schiarente e lenitivo» spiega il chirurgo.

Chi può (e deve) farlo

«Il white peeling è particolarmente indicato per le pelli acneiche, soggette a lesioni cicatriziali, o sulle quali sono presenti macchie superficiali, soprattutto solari. Può essere fatto anche da chi ha necessità di reidratare profondamente la cute, di svolgere una pulizia intensa del viso o di levigare i piccoli segni del tempo» continua Marianetti.

Quante sedute occorrono

Quante sedute occorrono per ottenere dei buoni risultati? «Dipende dai motivi per i quali ci si sottopone a questo trattamento. Per quanto riguarda l’acne, si fa al bisogno, ossia quando si ha il disturbo in fase attiva. Per le macchie si consigliano 5-6 sedute almeno mentre per una pulizia del viso profonda può bastare anche una sola seduta» conferma lo specialista.

Cosa bisogna fare dopo il white peeling

«Dopo il white peeling non bisogna mai esporsi alle radiazioni solari, seppur minime, quindi è necessario applicare una crema protettiva dal giorno dopo per almeno una settimana» avverte Marianetti. «In generale, dopo il trattamento non si è particolarmente arrossati o irritati, però consiglio comunque di utilizzare sempre una crema idratante, alla mattina e alla sera».

Controindicazioni

Chiunque può sottoporsi a questo trattamento o ci sono delle controindicazioni? «Il white peeling non è indicato per chi ha la pelle ipersensibile, che si arrossa anche solo sfiorandola. La stessa cosa vale per chi ha il fuoco di Sant’Antonio e per chi ha lesioni in fase attiva o ferite» conclude il chirurgo.

Chiara Caretoni

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Dieta anti-acne: sicuri di conoscere i cibi anti brufoli?

Pelle luminosa: guarda come si fa lo scrub fai da te

Pulizia del viso: i migliori scrub, cerottini, dispositivi e creme idratanti

Pelle più giovane e Radiofrequenza: tutto quello che devi sapere

Chiedi un consulto di Dermatologia