Le vitamine che fanno bene alla pelle

Pubblicato il: 10 Maggio 2019 alle ore 21:49 Aggiornato il: 10 Maggio 2019
vitamine pelle

Dai sieri ai detergenti viso, il mondo della dermocosmesi punta sulle vitamine per mantenere una pelle sana e attenuare i segni dell’invecchiamento

Nel 2018 la metà dei 162.000 prodotti di bellezza in commercio si basava su formulazioni naturali. Per venire incontro alle esigenze di chi cerca prodotti privi di sostanze chimiche, come siliconi, parabeni o petrolati, in commercio si trovano sempre più spesso creme, sieri e trattamenti skincare realizzati con vitamine A, B, C, D ed E. Questi nutrienti, infatti, svolgono specifiche azioni non solo sulla salute dell’organismo ma anche sulla bellezza della cute. Quali? Scopriamolo insieme.

Vitamina A

È prevalentemente presente nei cibi di origine animale, come latte e derivati, uova e fegato, mentre in quelli di origine vegetale sono presenti i suoi precursori, i carotenoidi (ne sono ricchi frutta e verdura di colore giallo, rosso e arancione, come peperoni, albicocche, frutti di bosco e pomodori). È la vitamina più adatta per incentivare il rinnovo cellularerallentare i segni dell’invecchiamento. Particolarmente indicata per contrastare il colorito spento, può essere impiegata in trattamenti antiage mirati a eliminare le cellule vecchie. Inoltre stimola la melanina, il pigmento che fa abbronzare.

Vitamina D

Accumulata dal fegato, viene sintetizzata dal corpo, e in particolare dalla pelle, attraverso l’assorbimento dei raggi solari. A differenza delle «colleghe» è scarsamente presente nei cibi. La si trova, comunque, nei pesci azzurri, come aringhe e sgombri, nell’olio di fegato di merluzzo, in latte e derivati e nel tuorlo d’uovo. Dal punto di vista dermatologico il suo utilizzo, topico o tramite integratori, è particolarmente consigliato per chi presenta sia patologie immunomediate (vitiligine, dermatite atopica e psoriasi) sia neoplastiche (epiteliomi e melanoma): i pazienti che ne soffrono, infatti, registrano proprio un deficit di vitamina D.

Speciale esami del sangue: la guida completa

Vitamina E

Ne sono particolarmente ricchi i frutti oleosi (olive, arachidi, noci) e il germe di grano. La sua principale azione è quella di riparare i tessuti danneggiati. Agisce come un cerotto che rimargina le lesioni causate, per esempio, da un’eccessiva esposizione ai raggi solari o dagli effetti degli agenti atmosferici. Le creme che la contengono ripristinano lo strato idrolipidico del derma, conferendogli maggiore morbidezza.

Vitamine del gruppo B

Si trovano soprattutto nei cereali, nei legumi, nel lievito, nella frutta secca, nello yogurt. La vitamina B12 è l’unica presente solo ed esclusivamente nelle carni e in alimenti di origine animale. In linea di massima tutte le vitamine del gruppo B svolgono un’azione antiossidante e contrastano l’invecchiamento cutaneo, contribuendo alla formazione di elastina e acido ialuronico. Nello specifico, la B3 (detta anche vitamina PP o niacina) ha un’importante azione sul microcircolo e stimola la produzione di collagene: viene impiegata nei cosmetici che contrastano le discromie cutanee e nei solari, poiché previene l’insorgere delle macchie legate ai raggi ultravioletti. La B8 (o vitamina H o biotina) è particolarmente consigliata per il trattamento di dermatite seborroica, acne e alopecia grazie alla sua capacità di preservare l’integrità dei tessuti. Infine, a differenza delle altre vitamine, quelle del gruppo B hanno effetti diversi sulla pelle a seconda della sostanza con la quale vengono abbinate. Un perfetto siero antietà, per esempio, è quello che contiene la B6 o la B2 assieme all’acido ialuronico o al collagene.

Vitamina C

Definita anche acido ascorbico, è protagonista di molti processi metabolici (sintesi di ormoni e processo dei neurotrasmettitori) e partecipa alla formazione del collagene, indispensabile per preservare in buona salute i vasi sanguigni della pelle. La si trova negli agrumi, come arance o limoni, nei kiwi, negli spinaci, nei broccoli e nei cavolfiori. È considerata la sostanza che più di tutte combatte gli effetti degenerativi dei radicali liberi. Antiossidante per eccellenza, migliora l’elasticità della pelle stimolando la produzione di collagene, cioè la principale proteina presente nei tessuti che, però, diminuisce con il passare degli anni, rendendo il derma meno elastico e più incline alla formazione delle rughe. Un utilizzo costante di prodotti contenenti vitamina C rende il viso più compatto, turgido e, quindi, anche più giovane. Numerose ricerche hanno inoltre evidenziato che i benefici dell’utilizzo topico dell’acido ascorbico sono trenta volte superiori rispetto a quello tramite integratori.

Leggi anche…





Chiedi un consulto di Dermatologia