Correre sul tapis roulant: tutti i consigli per farlo bene

Pubblicato il: 10 Maggio 2019 alle ore 21:28 Aggiornato il: 15 Maggio 2019
correre sul tapir roulant

Quando il podista non riesce ad allenarsi all’aperto, il tappeto può rappresentare una valida alternativa

Pioggia, freddo e vento sono i nemici della maggior parte dei podisti. Se non hai una forza di volontà di ferro o un obiettivo importante da raggiungere, come correre la Stramilano o la maratona di New York, è facile che il maltempo ti faccia saltare l’allenamento programmato.

E allora?

Un aiuto per non sballare la tua tabella di marcia viene dal tapis roulant (o treadmill), un’apparecchiatura dotata di un computer programmabile secondo le tue esigenze. I puristi della corsa arricciano il naso, ma pazienza. È pur sempre footing, anche se indoor. E poi, a primavera, te ne andrai a sfidare il vento nei parchi, all’aria aperta. Al tapis roulant puoi dedicare una mezz’ora andando in palestra prima o dopo il lavoro oppure, se hai lo spazio, puoi decidere di investire qualche centinaio di euro e comprare un attrezzo da tenere a casa. 

I punti a favore

Puoi programmare minuziosamente a tavolino i tuoi allenamenti in base a parametri di velocità e pendenza predeterminati ed essere certo di mantenere sempre i valori impostati.

Esami del sangue: la guida completa

Se hai l’apparecchio in casa, puoi correre nei ritagli di tempo, senza dover mettere in conto anche il tempo necessario per uscire e raggiungere il più vicino parco.

In palestra, mentre corri, puoi chiacchierare con il vicino di tapis roulant, ascoltare musica o un audiolibro nell’iPod, vedere la tv se è annessa al macchinario, o isolarti nei tuoi pensieri.

Puoi anche usare il dispositivo per allenare la tua resistenza mentale: abituarsi alla noia di guardare fisso il display che mostra lo scorrere senza fine dei minuti o dei chilometri, costituisce un ottimo esercizio di resilienza che avrà ricadute positive per quando affronterai allenamenti all’aperto particolarmente impegnativi dal punto di vista psicofisico.

I punti a sfavore

Le prime volte che sali sul tapis roulant potresti avvertire una sensazione di disagio e di disorientamento: generalmente, però, dopo qualche seduta questo senso di incertezza sparisce.

Allenandoti sempre a casa tua oppure in palestra non avrai il polso dei reali progressi né ti abituerai a imprevisti e variazioni di fondo e di pendenza, oltre al fatto che all’aria aperta, a differenza di quanto avviene con la corsa su nastro, aumentando la velocità aumenta anche la resistenza del corpo all’aria. Correre sul tapis roulant, insomma, è molto più facile, e questo in gara si paga.

Vuoi iniziare a correre? Ecco 4 consigli per farlo bene

Per aumentare la difficoltà e rendere l’allenamento più simile alla corsa outdoor bisognerebbe impostare il treadmill aumentando dell’1% la pendenza: così facendo, però, viene modificata anche la tecnica di corsa.

Senza l’ausilio di musica o video per la tv, correre sul tapis roulant può essere molto noioso.

L’ipertensione o pressione alta

Guida all’acquisto 

Un buon tapis roulant, con la possibilità di inclinarsi elettronicamente e una velocità intorno ai 16 chilometri orari, può costare dai 500 euro fino a 2000 euro e oltre.

La possibilità di variare la pendenza (meglio se con comando elettrico) non è un parametro da trascurare, perché permette di correre con un buon grado di intensità a velocità ridotte e un valido lavoro muscolare.

Per un acquisto oculato, il tapis roulant va comprato in un negozio specializzato in fitness e testato: per farlo, presentati con scarpe da running e abbigliamento da palestra.

Controlla la garanzia sul motore, la parte più soggetta a usura, che non dev’essere inferiore a un anno.

Vai a correre al mattino? Ecco cosa mangiare prima e dopo

Valuta il numero e la tipologia dei programmi di allenamento reimpostato a seconda delle tue esigenze.

Usare il treadmill in casa tua, magari di prima mattina, può causare attriti con i vicini: valuta attentamente l’effettiva rumorosità dell’apparecchio prima di acquistarlo.

Istruzioni per l’uso

Se hai acquistato un treadmill per usarlo a casa, prima di iniziare un programma di esercizi consulta un medico dello sport, in particolare se sei un principiante e hai più di 35 anni. Prima di iniziare a usarlo leggi attentamente avvertenze e istruzioni e non lasciare incustodita la macchina quando è collegata alla corrente elettrica, specie se hai bambini in casa.

Non bere mentre corri, con il rischio di lasciar cadere liquidi sul tappeto. Sali solo con scarpe da running in buono stato e pulite. E fai attenzione che le stringhe delle scarpe siano sempre ben allacciate e che non sporgano troppo.

Aumenta la velocità di marcia o di corsa in modo sempre progressivo.

A fine esercizio, prima di scendere, aspetta l’arresto completo del motore.

 

Leggi anche…

 

banner corsa

 

Chiedi un consulto