Botti e petardi: ecco come proteggere i più piccoli

Le 7 regole che mamme e papà devono insegnare ai figli alle prese con questi dispositivi

Proteggi i bambini

Ignari dei pericoli per mani, braccia e occhi, spesso i bambini e i ragazzi maneggiano i botti e i petardi con imprudenza. Se proprio non se ne può fare a meno, mamme e papà devono monitorare attentamente l’utilizzo di questi dispositivi ed educare adeguatamente i più piccoli. Ecco le informazioni che i genitori devono obbligatoriamente trasferire ai figli in questi casi.

Botti e petardi solo da
rivenditori autorizzati

La prima regola è spiegare ai più piccoli che i petardi e i botti vanno acquistati solo presso i rivenditori autorizzati, anche se potrebbero costare un po’ di più. In questo modo si evita di entrare in contatto con prodotti illegali, artigianali e di dubbia provenienza, che potrebbero arrecare seri danni.

Non usare i botti dell’anno prima

Seconda regola: dire ai figli che i botti dell’anno precedente, finiti in un cassetto, non devono essere utilizzati. Il motivo? Potrebbero nascondere un po’ di umidità o lacerazioni, che aumenterebbero il rischio di esplosioni improvvise.

Non usare i guanti

Quando si maneggiano i botti è meglio non indossare i guanti perché potrebbero prendere fuoco a causa delle scintille provocate dall’accensione. Non solo: questi dispositivi potrebbero rimanere impigliati nelle trame del tessuto e causare l’esplosione tra le mani.

Non raccogliere i botti da terra

Una delle regole fondamentali è non raccogliere mai i botti da terra perché potrebbero essere rimasti inesplosi e causare danni in un secondo momento.

Mai alterare il prodotto

Bisogna insegnare ai più piccoli di non alterare i botti. Ciò significa che non devono essere fatti esplodere all’interno di bottiglie, lattine o contenitori perché potrebbero provocare lesioni e traumi molto gravi.

Usali all’aperto

I botti, i petardi e i bengali vanno utilizzati solo all’aperto, lontano da persone, abitazioni, animali o oggetti. Attenzione alle raffiche di vento: potrebbero espandere le scintille dell’accensione, incendiando abiti e capelli.

Rispetta la distanza di accensione

I botti vanno accesi velocemente, lontano dal viso, e lanciati almeno a un paio di metri di distanza, in modo da non correre alcun rischio.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Botti di Capodanno, cosa fare se il cane ha paura?

Pandoro o panettone? Quale scegliere

Cani e fuochi d’artificio: un farmaco cancella la paura dei botti

Natale: bruciore, pesantezza, pancia gonfia. Che fare?

 

Pubblicato il: 30 Dicembre 2018 Aggiornato il: 19 Dicembre 2018
Chiedi un consulto di Medicina interna