Malattie infiammatorie croniche intestinali: i pazienti si raccontano in un corto

mici

Le MICI, come la malattia di Chron e rettocolite ulcerosa, possono stravolgere la quotidianità: il video racconta paure e speranze di chi vive la malattia sulla propria pelle

Nove minuti intensi, che raccontano paure e speranze, difficoltà e rivincite. Lo smarrimento al momento della diagnosi, la paura della sala operatoria, la ripresa con i nuovi farmaci e il ritorno ad una vita quasi normale. Sono le storie dei pazienti affetti da malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI), sapientemente raccolte e mixate nel cortometraggio “Ora che mi ci fai pensare” da (Associazione per le Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino) con IG-Ibd (Italian Group for the study of Inflammatory Bowel Disease) ed Efcca (Federazione Europea delle Associaizoni dei pazienti).

La narrazione alterna volti di giovani donne e uomini che convivono da anni con malattie estremamente difficili, come la rettocolite ulcerosa e la malattia di Crohn: tra loro ci sono adolescenti della porta accanto, sportivi, e perfino volti noti come quello di Reneè Felton, mamma e allenatrice dell’atleta azzurro Andrew Howe. Tutti legati da una storia complicata, che accomuna oltre 200.000 pazienti in tutta Italia, per lo più giovani e giovanissimi.

I loro video, autoprodotti con telefonini e videocamere, parlano del ritardo con cui spesso i pazienti giungono alla diagnosi, al pugno nello stomaco che si prova a sentire pronunciare la parola MICI. La paura, la solitudine e lo sconforto, poi, lasciano lentamente spazio alla reazione e alla speranza, nutrite soprattutto dall’arrivo dei nuovi farmaci biologici che hanno letteralmente rivoluzionato il trattamento di queste malattie restituendo ai pazienti vite sempre più piene e indipendenti.

«Il video può essere d’aiuto ai pazienti di nuova diagnosi e a quelli che fanno fatica ad accettare la malattia», spiega Salvatore Leone, direttore di Amici onlus. Per condividere questa esperienza, potete collegarvi al sito di Amici .

POSSONO INTERESSARTI ANCHE:

Malattie autoimmuni: 1 paziente su 4 abbandona le cure
Ci cureremo con le feci?
Stressati dai problemi con l’intestino? Provate con la meditazione

Elisa Buson




  • L’afta rappresenta l’espressione clinica della stomatite aftosa […]

  • È una parte del cervello, l’organo più importante del […]

  • Questo termine non scientifico viene utilizzato per indicare il periodo della […]

  • L’allergologia è una branca della medicina che si occupa di […]

Pubblicato il: 17 Dicembre 2015 Aggiornato il: 9 Dicembre 2016
Chiedi un consulto di Gastroenterologia