Se soffro di gastrite o reflusso posso bere il caffè?

Pubblicato il: 6 Settembre 2018 alle ore 20:53 Aggiornato il: 6 Settembre 2018
Carico il video...

Esistono delle valide alternative al caffè che non peggiorino ulteriormente questi disturbi?

Lo beviamo appena svegli per darci la carica, di fronte alla macchinetta dell’ufficio per fare due chiacchiere con i colleghi, dopo pranzo per allontanare la sonnolenza e dopo cena per chiudere il pasto con gusto. Sono davvero poche le persone che riescono a fare a meno del caffè, vero e proprio elisir di lunga vita. Clicca qui per scoprire il perché.

Ma se ho la gastrite o il reflusso posso berlo?

Se soffro di gastrite, reflusso gastroesofageo, ulcera o ernia iatale, posso comunque concedermi qualche caffè? No, meglio evitare! Questa bevanda, infatti, irrita ulteriormente le pareti dell’apparato gastrointestinale, peggiorando così i disturbi già in corso.

Allora quali sono le alternative?

Tranquilli, anche per chi soffre di questi disturbi le alternative esistono: in questi casi, infatti, si può bere il caffè d’orzo o il decaffeinato macchiato con un po’ di latte, che svolge un’azione protettiva.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Non resisti al cioccolatino dopo il caffè? La scienza svela il perché

Caffè: quanto ne puoi bere? Quali sono tutti i benefici?

Caffè: tre tazzine al giorno allungano la vita

Caffè verde: è proprio vero che faccia dimagrire?





Chiedi un consulto di Nutrizione