Malattia di Alzheimer: la dieta che ti aiuta a tenerla lontana

Carico il video...

Una dieta sana ed equilibrata può rallentare il declino cognitivo e "nutrire" il cervello allontanando il rischio di malattie neurodegenerative

L’insorgenza della demenza è più alta in chi consuma alcuni tipi di cibi. È dimostrato, infatti, come alimenti ricchi di colesterolograssi saturi e calorie giochino un ruolo importante nella formazione di placche di beta-amiloide e nel danno ossidativo ai neuroni che conducono alla malattia.

Prevenire l’Alzheimer è uno dei principali obiettivi del mondo scientifico. Le persone colpite da questa malattia sono già oltre le 600.000 solo in Italia.

Le persone con Alzheimer cresceranno a causa dell’invecchiamento

Inoltre, a causa dell’invecchiamento della popolazione, i pazienti sono destinati a crescere. L’Italia infatti è il Paese più longevo d’Europa, con 13,4 milioni gli ultrasessantenni, pari al 22% della popolazione.

La diagnosi precoce

La diagnosi precoce è indispensabile per poter indirizzare il paziente con Alzheimer verso strategie terapeutiche, attualmente in fase avanzata di sperimentazione, che potrebbero modificare il decorso della patologia mediante la rimozione della proteina beta-amiloide, principale responsabile della malattia.

L’alimentazione è fondamentale 

Dulcis in fundo l’alimentazione. Una dieta corretta ed equilibrata completa il quadro della prevenzione dell’Alzheimer. Ecco nel video gli alimenti che non devono mancare dalla nostra tavola. Qui puoi approfondire i contenuti che trovi nel video. 

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

Alzheimer: il mistero dei super anziani immuni alla malattia

Alzheimer: rinforza la memoria allenando corpo e mente

Marcia Gay Harden: «Scrivo i ricordi di mia mamma che ha perso la memoria»

Alzheimer: speranze da un rivoluzionario spray nasale

 

Pubblicato il: 29 ottobre 2018 Aggiornato il: 29 ottobre 2018
Chiedi un consulto di Neurologia