Colesterolo alto? Ecco i cibi che devi evitare

Pubblicato il: 15 Febbraio 2018 alle ore 18:00 Aggiornato il: 14 Febbraio 2018

L'American Heart Association, l'associazione dei cardiologi americani, ricorda quali sono i cibi che non bisogna mangiare se si soffre di colesterolo alto in base alle ultime scoperte scientifiche. Escono da questa black list i formaggi

Carne rossa

È meglio limitarsi a un paio di porzioni al massimo alla settimana. Se ne mangiamo troppa, saremo più soggetti alla formazione di placche aterosclerotiche nelle arterie a causa dell’alta concentrazione di carnitina che aumenta il rischio di andare incontro a una malattia cardiovascolare come infarto, ictus, embolia, trombosi venosa e arteriosa.

Agnello

La carne di agnello è una carne rossa ricca di grassi saturi e colesterolo, che se assunti in grandi quantità possono alzare il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, perché impenna i livelli di colesterolo cattivo, l’LDL.

Maiale

Nonostante ormai la carne di maiale sia molto più magra rispetto al passato, se mangiata in eccesso fa aumentare i livelli del colesterolo cattivo.

La pelle del pollo

La carne bianca come quella di pollo è generalmente consigliata dai cardiologi, perché è tra le più magre. La sua pelle però è particolarmente grassa e ricca di colesterolo.

Salumi e wurstel 

Troppo sale e troppi grassi, i salumi e i wurstel vanno limitati al minimo, per non rischiare di far aumentare i livelli di colesterolo nel sangue. I “meno pericolosi” da questo punto di vista sono il prosciutto crudo sgrassato e la bresaola. 

Frattaglie e interiora

Stanno vivendo un periodo di rinascimento queste parti di carni che fino a qualche anno fa erano state praticamente abbandonate e ora sono state riportate in auge da molti importanti chef. Assolutamente da evitare il cervello, che ha il potere di far innalzare e di molto i livelli di colesterolo nel sangue, ma tutte le frattaglie, anche quelle di pollo, devono essere limitate. 

 

Burro

Da sempre indicato come il male assoluto, in realtà ultimamente è stato rivalutato da diversi studi scientifici. Innanzitutto gli esperti consigliano di mangiare il burro di alta qualità e spiegano che, seppure non dobbiamo esagerare, è meglio il burro a crudo di molti altri oli.

Oli e margarina

La maggior parte degli oli provoca l’aumento del colesterolo cattivo e la diminuzione di quello buono. Stiamo parlando ad esempio del famigerato olio di palma, ma anche dell’olio di cocco. Non seguono questa regola l’olio extravergine di oliva, che invece è alleato della salute del nostro cuore e quello di semi di lino.

Cibi fritti

I fritti piacciono praticamente a tutti. Come riuscire a rinunciare a una frittura di pesce, a una tempura di verdura o alle polpette? Purtroppo però anche loro fanno innalzare i livelli di colesterolo cattivo, quindi dobbiamo limitarli alle occasioni speciali.

Cibo pronto

Il cibo pronto andrebbe limitato al massimo già solo per le grandi quantità di zucchero e sale che contiene. In più, generalmente, viene preparato con grassi idrogenati che hanno come conseguenza quella di fare impennare i valori del colesterolo cattivo.

Patatine nel sacchetto

Le patatine nei sacchetti sono amate da tutti, ma non dalla salute del nostro cuore. Contengono molto sale, dannoso per la pressione sanguigna e vengono fritte in grassi idrogenati, che fanno schizzare verso l’alto il colesterolo.

Popcorn al burro

Questa è un’altra moda importata dagli Stati Uniti. I pop corn in sé non fanno male alla salute, ma se ci aggiungiamo del burro fuso come avviene in molti cinema italiani i valori del colesterolo schizzano verso l’alto.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

Colesterolo: quando devo misurarlo? E con che frequenza?

Colesterolo alto? Ecco i cibi da evitare

Via libera al formaggio: non alza il colesterolo cattivo

Tofu, cereali e riso rosso: i cibi anti-colesterolo

Avocado: combatte pre diabete e colesterolo cattivo

Chiedi un consulto di Cardiologia